Blog: http://occhiodelciclone.ilcannocchiale.it

Le pagelle di Palermo - Lazio

Posavec 6: Può poco sul goal di Milinkovic-Savic, mentre si dimostra attento quando viene chiamato in causa.

Goldaniga 5,5: Compartecipe in piccola parte in occasione del goal laziale, è protagonista di una prestazione gagliarda, forse anche troppo in alcune occasioni in cui rischia il secondo giallo

(Lo Faso s.v.)

Gonzalez 5: Soffre l'esuberanza di Immobile che non gliela fa vedere mai e nel finale completa la frittata buttando giù Lombardi da ultimo uomo e lasciando la squadra in 10.

Andelkovic 6: Altra prestazione positiva dello sloveno che si dimostra ancora il difensore più attento tra i suoi.

Morganella 5,5: Praticamente nullo in fase di spinta a parte un unico cross per Nestorovski nel primo tempo, prova qualche sortita accentrandosi ma senza grandi risultati. In fase difensiva soffre a turno F. Anderson e Keita che vanno al doppio della sua velocità.

Bruno Henrique 5,5: Meno preciso che in altre occasioni, non supporta come dovrebbe la squadra in fase di spinta. Esce per un problema alla mano.

(Bouy 6: Più presente del compagno brasiliano, ha circa mezz'ora per mettere in mostra una buona tecnica e discreta determinazione)

Jajalo 5,5: De Zerbi lo butta dentro per limitare Biglia e ci riesce discretamente; quando però si tratta di impostare, i suoi limiti diventano evidenti.

Chochev 5: Completamente assente nel primo tempo, si dimentica di Milinkovic-Savic che va a colpire solo soletto sottoporta in occasione del goal. Si sveglia nel secondo quando si ricorda del suo fratello gemello, quello che giocava nel primo Palermo di Iachini, bravo a supportare l'azione e, soprattutto ad inseririsi in attacco. Ma è troppo poco e troppo tardi.

Alesaami 5: La sua pericolosità in fase offensiva, anche con limiti notevoli non si discute, ma la sua fase difensiva è pessima; l'ennesimo errore di posizione nel primo tempo permette a Basta e Felipe Anderson di uccellarlo e di creare i presupposti del goal partita. Purtroppo c'è lo zampino del terzino norvegese in una buona quantità di goal subiti dal Palermo in questa stagione.

Diamanti 5: Nervoso, impreciso, arruffone, stavolta non ha alibi; De Zerbi infatti lo piazza nella sua posizione, dietro l'unica punta, ma lui spesso sbaglia tempi e misure delle giocate. Dopo il tunnel subito da Felipe Anderson perde anche la testa e rischia di prendere un secondo giallo; detto questo si fa fatica a capire perchè De Zerbi lo lasci in panca nel secondo tempo, con un goal da recuperare, considerando che è capitano e l'unico giocatore di classe in organico.

(Quaison 5: Entra la posto di Alino Diamanti ma, a parte un tentativo di inserimento in area, frustrato da un grande intervento di Radu, risulta non pervenuto)

Nestorovski 6,5: Non segna ma è l'unico giocatore che ci metta foga, rabbia agonistica e anima; fa  a sportellate con Radu e Wallace che lo menano come fabbri, sfiora il vantaggio su cross di Morganella e si guadagna tante punizioni preziose ma vanificate dai compagni. Un diamante grezzo in mezzo a fondi di bottiglia.

Lazio

Strakosha 6: Ordinaria amministrazione per il giovane emergente portiere laziale, per un Palermo che praticamente non centra mai lo specchio della porta.

Basta 6: Solo una fiammata, in occasione del goal, che gli basta per una sufficienza stentata a fronte di una prestazione abbastanza grigia.

Wallace 6: Fa a sportellate con Nestorovski usando spesso le maniere forti.

Radu 6,5: Vale lo stesso discorso del compagno di squadra ma la sua scivolata su Quaison, lanciato a rete, vale mezzo voto in più.

Lulic 5,5: Il polivalente biancazzurro oggi non convince appieno, limitato anche da un'ammonizione presa nel primo tempo, nonostante dalla sua parte Morganella gli potrebbe permettere di spingere con maggiore continuità.

(J. Lukaku 6: Prova convincente del belga che usa fisico e mestiere per limitare Quaison, quando lo svedese si sposta dalla sua parte)

Parolo 6: Partita di sostanza del centrocampista della nazionale, impreziosita da una sventola nella ripresa che mette a dura prova i polsi di Posavec.

Biglia 6: Soffre nel primo tempo la pressione di Jajalo ma alla distanza il bosniaco cala, lasciando campo libero al capitano biancazzurro.

Milinkovic-Savic 7,5: Uomo ovunque, sia in fase di finalizzazione, come in occasione del primo goal, ma soprattutto nel finale quando diventa uomo ovunque in fase difensiva, con il recupero di tantissimi palloni.

Felipe Anderson 6,5: Il brasiliano è in un gran momento di forma e si vede sin da subito, quando i suoi dribbling e i suoi filtranti mandano in tilt Alesaami e soci (vedi i goal laziale); Inzaghi lo alterna con Keita sulle due fasce e questa mossa fa perdere la trebisonda agli esterni rosanero. Nel secondo tempo lascia spazio a Djordjevic, giusto per evitare di perdersi il derby per squalifica.

(Djordjevic 5,5: Si sposta al centro al posto di Immobile, ma la sua staticità permette ai difensori rosanero di controllarlo meglio)

Immobile 6,5: La sua "mobilità" mette in crisi spesso Gonzalez che viene stanato per cercare si seguire in centravanti della nazionale; oltre alle numerose serpentine, mette a referto una traversa e e un tiro alto di pochissimo.

Keita 6,5: Altra prestazione positiva della punta spagnolo, la cui velocità mette alla frusta i suoi dirimpettai; sfiora anche il goal in un paio di occasioni.

(Lombardi 6: Pochi minuti in campo ma sufficienti per involarsi verso la porta rosanero e costringere Pipo Gonzalez al fallo da rosso).


All.ri:

De Zerbi 5: Mette in campo la squadra in campo la squadra con lo schema che, probabilmente, digerisce meglio, ossia quella difesa a 3 che da tre anni è nel DNA dei rosanero. In più mette Diamanti centrale, in condizioni di potere giocare più vicino a Nestorovski. Ma la squadra denota, oltre ai soliti limiti individuali (vedi Alesaami in fase difensiva), l'incapacità di muoversi come tale, soprattutto nella mediana che, a parte Jajalo, non partecipa attivamente alla fase difensiva e, cosa ancora più grave, una volta andati in svantaggio, non accompagna l'azione con gli inserimenti necessari, per una squadra che gioca con una sola punta. Il risultato è una squadra che, sotto di un goal, non riesce a rendersi pericolosa. Le scelte iniziali poi fanno discutere; se Diamanti non è in condizione perché farlo giocare dall'inizio e non buttarlo dentro dopo, come col Milan? Perché Morganella, che ormai non è più veloce come un tempo, e non Rispoli, che si esprime al massimo con la difesa a 3? Non sappiamo se il tecnico bresciano sarà ancora sulla panchina rosanero a Firenze ma, ancora prima che nella testa dei giocatori, serve un lavoro sulla sua testa, anche a livello mentale.

S. Inzaghi 6,5: Questa Lazio gioca veramente bene, con pochi concetti ma chiari, con un calcio tanto spettacolare quanto lineare. Il grande lavoro fatto dal tecnico laziale, fatto sulla testa di Keita e F. Anderson, si vede soprattutto nell'atteggiamento dei due attaccanti, veri trascinatori di questa Lazio che, sicuramente, ci farà ancora divertire.

Arbitro Guida 6: Conduzione di gara lineare, per certi versi anche coerente, con pochi fischi e i giusti cartellini. Ottime le valutazioni della terna in occasione dei fuorigioco e dell'intervento di Radu nel secondo tempo, reclamato da alcuni rosanero come possibile rigore.



Pubblicato il 27/11/2016 alle 13.28 nella rubrica il calcio del pallone.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web